Notizie

La farmacovigilanza nell'ASST di Vimercate Il progetto di ricerca sulle reazioni avverse da farmaci

La farmacovigilanza nell’ASST Vimercate

 

L’Ospedale di Vimercate è da tre anni Centro di coordinamento del progetto nazionale MEREAFAPS 5.0, che coinvolge oltre 150 Pronto Soccorso in 5 regioni italiane (Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Toscana e Campania) nella raccolta delle Reazioni Avverse da Farmaci. Questo progetto ha aumentato in maniera sostanziale la segnalazione degli eventi avversi da farmaci in Italia, rappresentando negli ultimi 10 anni 1/3 delle segnalazioni nazionali, ed ha determinato un importante miglioramento delle conoscenze, soprattutto sulla prevenibilità di queste reazioni.

La partecipazione al progetto ha anche contestualmente aumentato il numero di reazioni avverse segnalate dall’ASST Vimercate, che è passato dalle 102 segnalazioni del 2017 alle 455 del 2018. Le segnalazioni riguardano nel 55% dei casi reazioni avverse che hanno provocato l’accesso in Pronto Soccorso, nel 24% segnalazioni provenienti dai reparti e dagli ambulatori (soprattutto Medicina), nel 21% reazioni rilevate in Oncologia.

Il 54% dei casi interessa le donne e l’età media è molto alta: i 2/3 dei casi di ADR sono negli over 65 anni. Le reazioni avverse sono gravi nel 75% dei casi e di queste il 44% viene giudicato prevenibile. I farmaci maggiormente implicati sono anticoagulanti e antiaggreganti (con in testa warfarin, ASA e nuovi anticoagulanti), i farmaci antineoplastici (paclitaxel, fluorouracile, bevacizumab), e antibiotici (linezolid e amoxicillina).

Mentre per i farmaci antineoplastici le reazioni erano difficilmente prevenibili, nel caso degli anticoagulanti, sia tradizionali che nuovi, spesso la reazione era prevenibile con maggiori controlli della coagulazione o con maggiore attenzione alla funzione renale e alle possibili interazioni maggiori.

Prevenire queste reazioni, specie le gravi, vuol dire evitare ai pazienti un inutile carico di sofferenze e complicazioni, e ridurre contemporaneamente l’aggravio economico per le ospedalizzazioni e le procedure richieste per farvi fronte.

File allegati